Carlo Ratti e la riqualificazione dell’ex sito di Milano EXPO a prova di futuro

Lo studio Carlo Ratti Associati (CRA) e il gruppo australiano di real estate Lendlease si sono aggiudicati il concorso internazionale per la trasformazione dell’ex area di Expo Milano 2015. Il programma di riqualificazione prevede lo sviluppo di un Parco della Scienza, del Sapere e dell’Innovazione esteso su un sito di oltre 1 milione di metri quadrati.
Il masterplan si svilupperà sul concetto di Common Ground: seguendo il principio che la salute di un quartiere dipende in buona parte dalla vitalità dei suoi spazi pubblici, il progetto propone di costituire un Common ground – uno spazio a livello strada alto due piani, che si snoda attraverso tutte le aree del masterplan – su cui vanno ad alternarsi piazze e aree pedonali, orti e giardini, negozi, laboratori ed edifici a corte, in uno scambio continuo tra ambienti aperti e chiusi, pubblici o più raccolti.
Inoltre la mobilità all’interno dell’area riconvertita si articolerà sul principio del carsharing, così Carlo Ratti: ‘’Abbiamo cercato di rendere il piano regolatore ‘a prova di futuro’: le strade del sito sono accessibili ai veicoli senza conducente, con un’impostazione che anticipa la diffusione del cambiamento relativo all’autonomia dei veicoli.’’
Per saperne di più leggi l’articolo pubblicato su domusweb.it

#Innovazione #IoT #Architettura #Sostenibilità #design #mobility #carsharing #sharingeconomy #MITSenseableCityLab #CarloRatti #CommonGround #DigitalTransformation #gis #GEOsmartcampus #Cisco #EsriItalia #LinkCampusUniversity #FIRE #SAA #WARREDOC #UniversitàperStranieridiPerugia #CMS #InforElea #Innovability #IQUII #ItaliaStartUp #Tabizco #TalentGardenRoma #GEOmedia #FondazioneGeoKnowledge #UnicreditStartLab

Green Building, di che si tratta e cosa ci propone

Conoscete già tutti la Green Building? Si riferisce ad un modo di progettare, costruire e gestire edifici in maniera sostenibile ed efficiente. La ratio è gestire risorse, scegliere materiali, ottimizzare energie, organizzare lo spazio prestando attenzione alle occorrenze della società attuale e di quelle delle generazioni a venire.
Qualcuno la chiamerebbe BioArchittura o Bioedilizia, altri Architettura Sostenibile. Qualcun altro addirittura Ecotopia, ma a tutti gli effetti questa rivoluzione nel modo di costruire è già in atto in tutto il mondo.
Io li chiamerei ArchiFuturisti, per la potente semplicità delle loro idee che -diciamolo!-per quanto efficaci e avanguardistiche sono spesso di difficile realizzazione in quanto non ancora regolamentate dalle legislazioni, per la determinazione con cui combattono l’edilizia selvaggia che deturpa il territorio e la concezione stessa dei popoli -spesso ed un po’ ovunque sul globo terracqueo abituati ad inefficienza, bruttura, incapacità e remotezza dei progettisti- di cosa sia Architettura.
Pensavate a grattacieli di legno?
Allora sappiate che non siete fuori strada, ebbene si, figurano anche loro nella lunga lista di ‘greenarchinews’, metodi di costruzione e materiali innovativi più o meno sofisticati, al servizio della Green Building. Tra questi il cemento green, la tecnica dell’edificazione in paglia strutturale, in terra cruda, in cartone, i pannelli fotovoltaici mimetici, gli edifici mangia-inquinamento, e…molti altri illustrati nel saggio ‘’ The New Carbon Architecture: Building to Cool the Planet’’ di Bruce King, fondatore dell’Ecological Building Network.
Per saperne di più leggi l’articolo scritto da Erika Seghetti su green.it

#greenbuilding #greenarchitecture #architetturasostenibile #innovazione #smartsolutions #sostenibilità #CO2 #bioedilizia #archilovers #carbonarchitecture #green #design #ecofriendly #effiicienzaenergetica #riqualificazione #gis #GEOsmartcampus #Cisco #EsriItalia #LinkCampusUniversity #FIRE #SAA #WARREDOC #UniversitàperStranieridiPerugia #CMS #InforElea #Innovability #IQUII #ItaliaStartUp #Tabizco #TalentGardenRoma #GEOmedia #FondazioneGeoKnowledge #UnicreditStartLab

Nasce il progetto nazionale “Eccellenze Rurali”

Uno degli obiettivi della Politica di Sviluppo Rurale promossa dal CREA è mantenere vivo e vigoroso il tessuto sociale ed economico delle aree rurali. Come? Sostenendo la diversificazione delle aziende agricole che possono investire nell’offerta di servizi con l’obiettivo di aumentare i redditi, la nascita di microimprese e la rivitalizzazione delle attività già esistenti, promuovendo misure per migliorare la qualità dei servizi di base per i residenti, e più in generale per accrescere l’interesse nelle aree rurali.
CREA è l’ente di riferimento in Italia per la ricerca in campo agroalimentare. Sotto la supervisione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, il CREA agisce ed ha competenza scientifica nel settore agricolo, ittico, forestale, nutrizionale e socioeconomico.
‘’Eccellenze Rurali’’ è il progetto che racconta 103 casi virtuosi italiani di buon utilizzo dei fondi comunitari a sostegno dello sviluppo rurale documentati con video, foto, schede di approfondimento, e interviste.
La mappa che prende forma rappresenta un settore in rapida trasformazione, i cui protagonisti sono sempre più aperti e in relazione tra loro e con il territorio. Una agricoltura sempre più multifunzionale e in grado di fornire servizi e creare opportunità lavorative.

 

Per saperne di più leggi l’articolo pubblicato su ANSA.it
#CREA #eccellenzeitaliane #startup #agricoltura #sostenibilità #ricerca #bioeconomia #acqua #green #territorio #eccellenzerurali #psr #agribusiness #agritech #didyouknow #gis #MadeinItaly #GEOsmartcampus #Cisco #EsriItalia #LinkCampusUniversity #FIRE #SAA #WARREDOC #UniversitàperStranieridiPerugia #CMS #InforElea #Innovability #IQUII #ItaliaStartUp #Tabizco #TalentGardenRoma #GEOmedia #FondazioneGeoKnowledge #UnicreditStartLab

Giovani Innovatori, ecco a voi ANGI

ANGI, acronimo di Associazione Nazionale Giovani Innovatori, è l’organizzazione su scala nazionale che si occupa di promuovere il dialogo tra imprese, istituzioni politiche e giovani innovatori per ottenere provvedimenti a favore dello sviluppo e la crescita economica italiana. Come? Attraverso una intensa attività di networking e organizzazione di eventi, tra cui conferenze sul tema dell’innovazione rivolte a imprenditori, privati e istituzioni.
ANGI si propone di essere volano e divulgatore di realtà imprenditoriali giovani e innovative e rimuovere così tra i molti, l’ostacolo della non sempre facile informazione sulle opportunità presenti poiché secondo Gabriele Ferreri, presidente dell’ANGI “La maggior parte delle realtà che oggi operano in Italia sono verticali. Non permettono il dialogo tra i vari attori, ma finiscono sempre con il comunicare a quell’1% della popolazione che già conosce perfettamente le tematiche dell’innovazione’’.
La neonata Associazione ha presentato il suo manifesto alla Camera dei Deputati lo scorso 25 gennaio per illustrare il programma 2018 di ripresa del settore Innovazione italiano.
Per saperne di più leggi l’articolo al link
https://www.greenplanner.it/2018/01/26/innovazione-in-italia-angi/

#green #noprofit #Innovazione #giovaniInnovatori #ANGI #PMI #SME #SmartSolution #enterprise #Noicisiamo #gis #GEOsmartcampus #Cisco #EsriItalia #LinkCampusUniversity #FIRE #SAA #WARREDOC #UniversitàperStranieridiPerugia #CMS #InforElea #Innovability #IQUII #ItaliaStartUp #Tabizco #TalentGardenRoma #GEOmedia #UnicreditStartLab #FondazioneGeoKnowledge